I BAGAI DI BINARI IN VISITA AL GRANAIO

Pubblicato Il
- Updated

Sabato 30 dicembre  una rappresentanza de I bagai di binari e della nostra redazione ha fatto visita all’associazione Onlus Il Granaio – Insieme per la vita, con sede a Paderno d’Adda. La struttura ospita una comunità alloggio per disabili, la maggior parte dei quali non autosufficienti, ed è stata creata nel 2005 da un gruppo di genitori con figli disabili a carico per offrire agli stessi un futuro.
Il gruppo di soci cernuschesi si è trattenuto per la consegna di un assegno simbolico di 1500 euro, parte del ricavato dei numerosi eventi organizzati nel 2017, tra cui la Notte di Natale a Cernusco, grazie anche al prezioso supporto del Giornale di Vimercate nella persona di Daniele Vanoli, del Centro commerciale Le torri bianche, del Caffè del Centro di Riccardo Scaccabarozzi (che ha aggiunto un contributo raccolto presso il bar cernuschese) e dei sostenitori del sodalizio.
Il presidente Costantino Scopel, insieme alla suocera Iole Brioschi, al figlio Marco Bruno Mornati, ha voluto ragguagliare i convenuti sulla situazione attuale della struttura.
«A oggi nell’alloggio sono presenti 15 utenti, giovani e meno giovani, con diverso grado di disabilità; nove di loro usufruiscono di una permanenza stabile a livello residenziale a tempo indeterminato o a lunga degenza, mentre altri sei svolgono una frequentazione come sollievo temporaneo nei fine settimana. La maggior parte di loro ha perso un genitore o entrambi, oppure ha familiari anziani che, pur volendolo, non sono più in grado di occuparsi di loro in tutti gli aspetti della quotidianità. In verità c’è da dire che le richieste di disponibilità all’accoglienza di nuove persone diventano sempre di più con il passare del tempo e purtroppo, a malincuore, spesso ci troviamo a dover rifiutare alcune di queste perché lo spazio non è sufficiente per accogliere altri disabili».
Nel ringraziare I bagai di binari per il prezioso sostegno economico, fornito già da alcuni anni, Scopel ha aggiunto: «Per fortuna arrivano preziosi aiuti come il vostro, dato che le spese di gestione sono sempre molte e i sostentamenti da parte di volontari ed enti sono sempre meno; continuano invece le visite burocratiche di enti con addirittura sei persone a cui in realtà non interessa per nulla come stanno i ragazzi o le vere problematiche del centro. Carte, firme sono per loro decisamente più importanti. Due ore di controllo e poi non si fanno più sentire nè vedere».
Durante il pomeriggio trascorso insieme I bagai di binari hanno potuto interagire con i ragazzi ospiti e i volontari presenti, osservando lo svolgersi delle loro attività e conoscendo alcuni di loro e le loro storie di vita. Grazie a Carlo Formenti è stato possibile intrattenerli  per qualche minuto con il consueto piccolo gioco di magia.
Il Direttivo dell’associazione cernuschese si è riunito giovedì sera per la programmazione del 2018; nel frattempo è alla ricerca di nuovi soci del Meratese disponibili (in particolare giovani) nelle varie attività del territorio: un modo originale e attivo di fare beneficenza verso chi ha veramente bisogno; contattare ibagaidibinari@libero.it.

C.M.



Mobile Sliding Menu

Dentro&Fuori.it | Copyright © 2018
Powered by Pc Lab Service