CERNUSCO, CONFERENZA E FOTO SUI MAMMIFERI

Pubblicato Il
- Updated

Si è tenuta anche a Cernusco la nona edizione di M’ammalia. La Settimana dei Mammiferi, promossa dall’Associazione Teriologica Italiana onlus (ATIt) e realizzata in collaborazione con l’Associazione Nazionale Musei Scientifici (ANMS). Un insieme di eventi coordinati dall’ATIt e organizzati da istituzioni scientifiche e culturali (musei naturalistici, orti botanici, biblioteche), aree naturali protette e associazioni, con il fine di far conoscere i mammiferi, le loro problematiche e gli ecosistemi di cui fanno parte.
Questa nona edizione ha voluto celebrare i mammiferi del nostro territorio che hanno superato prove come la pressione evolutiva, le glaciazioni, le catastrofi naturali, la convivenza con l’uomo, e sono arrivati fino a noi. Tra questi, i mammiferi endemici, quelli esclusivi del nostro territorio, come, per esempio, lo scoiattolo meridionale.
Promotori della conferenza, che si è tenuta venerdì 3 novembre in sala mostre, i soci dell’associazione Effeotto e il Centro Studi Fauna Vertebrata “Luigi Cagnolaro” che hanno dato la parola, dopo la presentazione del presidente Giuseppe Gironi, alla zoologa Roberta Castiglioni, che da venticinque anni si occupa di ricerca e divulgazione e al fotografo di natura Alberto Fantoni, della Società Italiana Caccia Fotografica, originario di Camparada.
Diversi gli argomenti e aspetti trattati dalla Castiglioni, che, dopo aver introdotto brevemente  la propria esperienza lavorativa e il mondo dei mammiferi, ha presentato la categoria degli endemici, ovvero una specie di animale che si trova solo in un determinato territorio. Lo scoiattolo, lo stambecco, il camoscio, il cervo, il daino, l’istrice, lo sciacallo e il muflone, per poi addentrarsi nel mondo dei lupi e degli orsi, tra credenze, leggende, storie e cronaca dei nostri tempi.
Non è mancato un accenno al problema del bracconaggio in Italia, soprattutto per quanto riguarda gli uccelli, problematica presente anche in Lombardia.
A seguire il giovane fotografo Fantoni, 24 anni, ha mostrato i propri scatti, da cui ha preso spunto per dare spiegazioni sui comportamenti e abitudini degli animali. Dallo scoiattolo rosso nel parco di Monza al capriolo, dal ghiro al riccio, dai conigli alla lepre, dalla volpe al tasso. Grazie alle conoscenze del padre, veterinario, e alla passione per la fotografia trasmessa da lui e dal nonno, è riuscito in questi anni ad avere una simile esperienza e un’ampia conoscenza che ha catturato l’attenzione del pubblico presente.

D.V.



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2019 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati
Powered by Pc Lab Service
".(9146*6663)."