CERNUSCO, IN CONSIGLIO LA RISPOSTA ALLE INTERROGAZIONI DI TOTO

Pubblicato Il
- Updated

Il Consiglio comunale di mercoledì 22 novembre si è aperto con il ricordo della tragedia avvenuta alla stazione di Cernusco martedì 14 novembre, dove ha perso la vita una ragazza di Sartirana. Il sindaco Giovanna De Capitani, revisionando i filmati, ha potuto costatare l’indifferenza della gente; ha  pertanto esortato tutti i presenti a essere attenti ai bisogni delle persone che si hanno intorno. Con un pensiero rivolto alla vittima e alla famiglia, sono partite le note dell’inno di Mameli.
Si prendono in esame le interrogazioni presentate dal capogruppo di minoranza Gennaro Toto, rimandando alla fine e a porte chiuse quella relativa al dipendente comunale Santo Bianco, essendo una questione spinosa e di carattere personale; il sindaco procede alla votazione: tre contrari, un astenuto e nove favorevoli.
Si prosegue con la mozione presentata dall’opposizione per il prossimo consiglio comunale relativa al Centro commerciale Marasche. Lo scorso aprile l’amministrazione di Osnago ha approvato il piano di lottizzazione per la realizzazione di una grande struttura di vendita per circa 7000 mq. Considerando il forte impatto sulla viabilità, le ripercussioni sulle attività commerciali già esistenti e le implicazioni sulla salute dei cittadini delle zone limitrofe Gennaro Toto chiede al sindaco di dare parere negativo alla Conferenza dei Servizi del 15 dicembre. Il primo cittadino mette agli atti ringraziando per la proposta fatta e stabilendo di fare un consiglio prima di quella data.
Si procede all’interrogazione relativa alla sicurezza del paese nella quale si chiede quali azioni ha intrapreso nell’ultimo anno l’Amministrazione comunale per dare sicurezza ai cernuschesi, quali sono i contributi dati dal sistema di videosorveglianza, chi sono gli addetti alla gestione e quali azioni intende intraprendere nel breve termine per garantire la sicurezza.

Da sinistra Roberta Cereda, Rodolfo Cogliati, (Insieme per Cernusco) Gennaro Toto, Gerardo Biella, Valentina Pavanati (Identità e futuro) e Salvatore Krassowski (Cernusco Lomb. bene Comune)

Il sindaco De Capitani sviluppa la risposta in più punti: «La videosorveglianza installata è servita per prevenire e contrastare il fenomeno della criminalità. E’ stato ultimato il lotto che riguarda il cimitero e la stazione per poi procedere al II lotto che interesserà la Piazza della Vittoria e comprenderà il parco, le scuole, il nido e la biblioteca. Da quando le telecamere sono state installate, non si sono avuti più furti al cimitero e atti vandalici in stazione. Le telecamere non possono servire per il controllo dei privati, ma c’è il supporto ai gruppi di controllo del vicinato le cui segnalazioni vengono prontamente prese in carico dalle forze dell’ordine. Dal 1 novembre al 31 dicembre viene svolto il controllo serale dalla polizia locale, due o tre volte la settimana, fino alle 21.30/22 secondo un calendario definito dal comandante lui stesso impegnato nel servizio. Non ultimo gli incontri periodici delle forze dell’ordine con la popolazione e in particolare con gli anziani per la prevenzione delle truffe. Il controllo e la visione delle immagini sono strettamente legati al ruolo del comandante della polizia locale, i monitor sono installati e attivi nel suo ufficio e i filmati si possono scaricare e visionare. Il monitoraggio avviene in caso di segnalazione da parte dell’autorità giudiziaria. Per quanto riguarda le azioni da intraprendere sono: il ripristino dell’organico con l’inserimento di un nuovo operatore categoria C, la gestione associata con il comune di Montevecchia per garantire la copertura in pattuglia dei due territori per l’intero arco della giornata e con servizi aggiuntivi, il completamento dei lotti successivi di videosorveglianza e l’attivazione di servizi specifici per la popolazione anziana (visite cadenzate, ascolto, compagnia)».
Al termine Gennaro Toto, insoddisfatto della risposta data, riprende alcuni punti sui quali non si trova d’accordo, chiedendo se non sia possibile collocare un operatore dietro al monitor che possa agire tempestivamente per quanto riguarda la videosorveglianza e non condivide un’eventuale gestione associata per la Polizia locale con il Comune di Montevecchia, visto che il comandante andrà in pensione il prossimo mese di marzo.
Il consigliere Salvatore  Krassowski propone una riflessione per un’ipotetica realizzazione di un progetto finalizzato al presidio serale e notturno che ha un costo e ha bisogno di essere approfondito.

Martina Cereda



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2019 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati
Powered by Pc Lab Service
".(9146*6663)."