CERNUSCO LOMBARDONE BENE COMUNE, DICE LA SUA SULLA PIAZZA

Pubblicato Il

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del gruppo di minoranza Cernusco Lombardone Bene Comune in merito al progetto di ristrutturazione della piazza centrale del paese.

L’Amministrazione comunale di Cernusco ha presentato il progetto preliminare per la riqualificazione del comparto di Piazza della Vittoria ai consiglieri comunali, alle consulte e in particolare a quelle Ecologia – Ambiente – Territorio e Urbanistica – Lavori Pubblici e ai cittadini
Come gruppo consiliare di Cernusco Lombardone Bene Comune riteniamo doveroso esprimere le nostre osservazioni per rendere nota la nostra visione su tale progetto attraverso il seguente comunicato.
Siamo partiti da alcuni principi generali: la salvaguardia del verde esistente, parco ed alberi nel loro insieme, favorendo la completa fruizione di almeno una delle piazza del comparto da parte di tutti i cittadini; la valorizzazione/ristrutturazione degli edifici esistenti, escludendo quindi nuove costruzioni con conseguente consumo di suolo, il mantenimento o perfino l’ampliamento del numero dei parcheggi per garantire i posti auto ai residenti delle case Aler, la sicurezza dei commercianti, la sosta di chi decide di fare la spesa in paese e i genitori che non possono fare a meno di prelevare i figli da scuola; il contenimento della spesa pubblica anche in relazione alle previste soluzioni temporanee. Con un’analisi puntuale delle reali esigenze si potrebbe procedere fin da subito in via definitiva per realizzare le opere necessarie.
Condividiamo la scelta dell’amministrazione di abbattere gli edifici che ospitano gli ambulatori e la bocciofila, preferiremmo però che i medici di base acquistassero o affittassero locali in centro, e ce ne sono disponibili anche in piazza della Vittoria, facendo risparmiare all’Amministrazione le spese per la collocazione, solo temporanea o definitiva che sia presso l’ex municipio. Una scelta che hanno già fatto tutti gli altri medici di base di Cernusco.
Gli alberi di piazza della Vittoria e dell’area mercatale sono un patrimonio ecologico da preservare con la massima cura e diremmo anche amore per la funzione salutare e insostituibile che svolgono in favore della collettività. Sono patrimonio dei cittadini e non di una singola amministrazione che non può decidere in nessun caso di eliminarli senza coinvolgere l’intera comunità. Siamo quindi contrari a qualsiasi abbattimento e sostituzione con altre piante al posto dei tigli centenari.
La prospettiva di nuove costruzioni, per le sedi delle associazioni e la residenza degli anziani, pari a più di mille mq. con una spesa preventivata di c.a.2,5 milioni di euro, da costruire all’interno del parco ci vede contrari per le motivazioni già espresse. Una ristrutturazione e ricostruzione adeguata degli edifici esistenti offrirebbe lo spazio sufficiente per le associazioni del paese che  hanno già una sede e per quante ne facessero richiesta. Per quanto riguarda la residenza per gli anziani, la realizzazione è così lontana nel tempo da lasciare spazio ad alternative più economiche e nello steso tempo consone allo scopo. Ci riserviamo di formulare proposte a tempo debito.
I nodi più complessi del progetto presentato riguardano i flussi in entrata e uscita dalla piazza verso l’area mercatale per raggiungere le case Aler, nonché la posizione dei parcheggi.
Le soluzioni prospettate dall’Amministrazione spezzettano il parco della piazza interna che si riduce notevolmente a causa dei nuovi parcheggi previsti e da quelli già esistenti che rimangono, dallo spazio per l’accesso verso le case Aler e per la costruzione di nuovi edifici più anfiteatro, inoltre la piazza esterna che si vorrebbe pedonale sarà invece interessata dal traffico delle auto in entrata e uscita da via Lecco via Monza e via Roma. Con il risultato che nessuna delle due piazze sarà pedonale, ma al contrario un miscuglio di auto e pedoni.
Come evidenziato nei principi generali, riteniamo che la piazza esterna debba mantenere gli attuali parcheggi e l’accesso per gli abitanti delle case Aler, che i parcheggi sotto le abitazioni comunali restino dove sono e non spostati nel parco, che non solo non ne vengano creati di nuovi nell’area mercatale, ma che scompaiano anche quelli esistenti. Una proposta a costi contenuti, perché si tratterebbe solo di riqualificare l’area interessata.
A questo punto l’area mercatale, libera da parcheggi, rappresenterà veramente un piccolo polmone verde a disposizione di tutti i cittadini cernuschesi, l’ex scuola elementare potrebbe ospitare anche dei locali gestiti da privati no profit per attività di animazione che renderebbero l’area attrattiva per bambini e adulti. Il monumento potrebbe essere posizionato tra gli edifici dell’ex municipio e la ex scuola elementare.
I parcheggi persi della piazza interna potrebbero essere realizzati all’ingresso del paese, adiacenti a quelli già esistenti e in una zona certamente non usufruita dai cittadini come parco, perché troppo vicina alla SP 342. Nella stessa zona verrebbe spostata la casetta dell’acqua.
L’ingresso esterno di piazza della Vittoria potrebbe ospitare, nell’area del monumento, che a questo punto dovrebbe essere spostato nella piazza interna come detto, alcuni parcheggi a tempo per i negozi.
Per la tempistica dei lavori (varie fasi) si è trascurato il fatto che Piazza della Vittoria interna ed esterna con relativi parcheggi sarà impraticabile per molti mesi e per i commercianti di via Lecco e gli inquilini delle case Aler non ci saranno posti disponibili. Suggeriamo, se non si vogliono cancellare del tutto le poche attività di Cernusco e creare disagi agli inquilini Aler, di cambiare le fasi dei lavori seguendo il seguente ordine: prima fase, realizzazione del parcheggio all’entrata del paese con spostamento in zona della casetta dell’acqua e temporaneamente del mercato settimanale; seconda fase, spostamento del monumento con l’accesso allargato alla piazza stessa e la realizzazione dei parcheggi per i commercianti e la sosta breve. A seguire riqualificazione del parco, ristrutturazione dell’ex municipio e ricostruzione dell’edificio delle ex scuole elementari.
L’edificio dell’ex municipio potrebbe diventare la Casa delle Associazioni e la ricostruzione dell’ex scuola elementare; potrebbe essere l’occasione per recuperate spazio per diverse iniziative solo se si prevedesse di realizzare la palestra nel seminterrato dell’edificio dando così la possibilità di più locali al primo e al secondo piano. Un edificio di un solo piano sarebbe non solo antiestetico, ma poco funzionale.
Va da sé che la ristrutturazione degli edifici dovrà essere eseguita nel rispetto delle più innovative tecniche in campo ecologico.

Cernusco Lombardone 29 giugno 2018
Salvatore Krassowski



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2020 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati