CERNUSCO, MONSIGNOR DELPINI INVITA A PREGARE PER LUI. DA SETTEMBRE SARÁ IL NUOVO ARCIVESCOVO DI MILANO

Pubblicato Il
- Updated

Giovedì 3 agosto monsignor Mario Delpini, prossimo arcivescovo della Diocesi di Milano, ha fatto visita alla parrocchia di Cernusco Lombardone; nel pomeriggio di domenica 24 settembre infatti si terrà la funzione in Duomo dopo la quale sarà chiamato a succedere al vescovo Angelo Scola.
Ad accoglierlo i sacerdoti del decanato tra cui il decano don Costantino Prina e il parroco cernuschese don Alfredo Maggioni, che aveva conosciuto Delpini in seminario 37 anni fa. Il prossimo Arcivescovo prima di ricevere il mandato sta visitando alcune chiese e santuari mariani della Diocesi per pregare insieme per il nuovo compito che lo aspetta.
«Talvolta ci sentiamo piccoli e inermi di fronte ai grandi avvenimenti della vita- ha ricordato Delpini nell’omelia – Impariamo da re Davide che ha misericordia del nemico, un gesto unico di bene. Non è vero che siamo un ruscello insignificante all’interno del flusso della storia; ognuno di noi può cambiare la storia, non per forza con clamore, ma con un gesto di bene alla nostra portata. Così va avanti la storia della salvezza. Ciascuno è responsabile per aggiustare quel pezzetto di mondo che gli è stato affidato, nell’intervenire in quella situazione che oggi ti interpella, nel compiere quell’atteggiamento di cura che oggi ti è possibile».
Elogio del gesto minimo e della scelta personale, della responsabilità di ciascuno che lo incoraggiano per la responsabilità che Papa Francesco gli ha chiesto di assumere per la Diocesi di Milano.
«In molti sono a dirmi “Chissà quanto lavoro ti aspetta”, “Quante scelte importanti dovrai fare” o “Chissà come farai con una diocesi così grande”. Ciò mi fa pensare e mi fa un po’ paura, ma a me toccherà ogni giorno fare quel gesto minimo che mi è possibile, la scelta buona che in quel momento posso fare; solo così scriveremo la storia della salvezza.
A tutti fedeli è stata lasciata un’immaginetta raffigurante la Pietà Rondanini di Michelangelo custodita nel Castello sforzesco di Milano, e la scritta: “Per annunciare che la terra è piena della gloria di Dio. A questa morte si appoggia chi vive”. Sul retro la preghiera per la chiesa di Milano da recitare in comunità e in  famiglia scritta dal prossimo arcivescovo, riprendendo la preghiera del Padre nostro.
Al termine della funzione animata dal coretto parrocchiale, i sacerdoti hanno realizzato la foto di gruppo sull’altare, dopodiché il vescovo, dopo aver ringraziato per l’accoglienza e qualche saluto ai fedeli, è corso via per raggiungere il convento di Sabbioncello e la parrocchia di Paderno d’Adda.
L’evento è stato fotografato per il sito parrocchiale da Carlo Porro di Puntofoto Merate.

Dario Vanoli

 



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2019 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati
Powered by Pc Lab Service
".(9146*6663)."