PREMIO DI PRESTIGIO AL NIBBIO, AUTO DEL CONTE LURANI

Pubblicato Il
- Updated

E’ Lurani Nibbio il nome dell’automobile premiata con la Coppa d’Oro al Concorso d’Eleganza 2017 a Villa d’Este. L’auto storica del 1935 è totalmente fuori dagli schemi classici cui si pensa, immaginando un premio di questo tipo: non una berlina per viaggiare o una sportiva, non una cabrio, non un’auto che vinse estenuanti gare sulle strade. Bensì una piccola monoposto, con monocilindrico Pilota, funzionario sportivo, giornalista, ingegnere, direttore di scuderia, persino editore e designer di automobili.
Tante le professioni praticate da Giovanni Lurani Cernuschi, VIII conte di Calvenzano e padre dell’auto artigianale che per anni ha vissuto a Cernusco nella rinomata villa che ospitava spesso i grandi nomi del mondo della Formula 1 in occasioni di grandi feste. Il Conte aveva inoltrato partecipato a circa 160 corse, comprese le nove Mille Miglia dove ha ottenuto tre vittorie di classe. Divenne famoso soprattutto per questa piccola vettura da record da lui costruita, la Nibbio. Questa nello specifico fu la prima di una serie creata nel 1935, dotata all’epoca di un motore V2 di Moto Guzzi (495 cc, 46 CV). Con tale dotazione aveva infranto quattro record mondiali, divenendo la prima con cilindrata di 0,5 litri ad aver superato le 100 miglia orarie. Nel 1939 la Carrozzeria Riva la ha ottimizzata permettendo di conseguire altri otto record mondiali. Altri sei record li ottenne nel 1947, questa volta con motore monocilindrico sovralimentato da 250 cc, anche questo Guzzi.
La Nibbio, ferma proprio da settanta anni, è stata presentata in concorso dal nipote di Lurani Federico Göttsche Bebert, nella foto sopra con la madre Francisca, la figlia del Conte.
Un orgoglio per Cernusco che ha visto nascere questo modello d’auto.



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2019 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati
Powered by Pc Lab Service
".(9146*6663)."