OSNAGO PIANGE ERNESTO MAGGIONI, CUSTODE DEL CENTRO DI VIA MATTEOTTI

Pubblicato Il
- Updated

Dopo un periodo di lunga malattia, si è spento all’Hospice Il Nespolo di Airuno, nella tarda serata di giovedì 2 agosto, Adelio Ernesto Maggioni (sopra nella foto), per tutti Ernesto, 73 anni, molto conosciuto a Osnago con la moglie Gianna Ghirri, in quanto custodi dei campi sportivi comunali di via Matteotti. Una persona disponibile, molto attiva con un grande pollice verde. Una presenza preziosa con la moglie presso il parco che custodiva e curava con dedizione e cura anche gli ultimi tempi in cui era provato dalla malattia. Pensionato da 23 anni, ha curato le piante e i fiori del centro  sempre colorati e rinvigoriti e si è occupato della pulizia e della manutenzione del parchetto e dei campi sportivi.
«Ricordare Ernesto è doveroso.. Era una persona eccezionale, di una bontà unica, di un altruismo senza eguali, operoso come pochi. Andava ben oltre i compiti richiesti dalla collaborazione con l’Amministrazione comunale  – ricorda l’assessore Felice Rocca di Osnago – perchè amava i luoghi in cui viveva, perchè era naturale per lui rendersi utile, perchè non esisteva problema che non valesse la pena provare a risolvere senza far intervenire gli Uffici comunali. Un forte abbraccio va in questo momento alla sua amata consorte, Gianna. Insieme erano sempre pronti ad accoglierti con un sorriso, uno sgabello e un dolcetto ogni qualvolta passavi a trovarli. Mancherà tantissimo a tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo».
«Da alcuni anni in occasione del torneo di tennis estivo ci siamo conosciuti sempre di più – ricorda il Direttivo dell’associazione I bagai di binari – Ricordiamo la sua disponibilità, sempre silenziosa, nel preparare i campi quando aveva piovuto e nell’accoglierci, così come faceva per tutti i giocatori di tennis che si allenavano. Il nostro più caloroso abbraccio a Gianna, che ci diceva commossa: “uniti siamo una potenza, divisi siamo una nullità”; una coppia affiatata da cinquant’anni che si è sorretta sempre l’un l’altra: un esempio per tutti noi; ti siamo vicini Gianna».
Le esequie sono state celebrate in parrocchia sabato 4 alle 10.30 in una chiesa gremita, dove il parroco don Costantino Prina ha ricordato il bene fatto da Ernesto per il paese e la comunità civile. Presenti infatti alla funzione il sindaco Paolo Brivio, il vicesindaco Daniele Lorenzet, l’ex sindaco Paolo Strina e l’Avis con il gagliardetto, di cui faceva parte Ernesto.
Anche la redazione di D&F si stringe attorno a Gianna e alla figlia Elisa, in questo momento di forte dolore.

D.V.



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2020 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati