CERNUSCO MONTEVECCHIA, UN COMUNE PASSATO E DESTINO

Pubblicato Il
- Updated

Cernusco Montevecchia, per diversi anni due realtà unite in un unico paese; ora separate ma confinanti, sono chiamate alle elezioni amministrative nel weekend del 3 e 4 ottobre coinvolte, o forse travolte, da parole, promesse, analisi…
La nostra redazione per diversi mesi ha lavorato a un inserto, che i nostri abbonati avranno già letto, che tratta la storia di Cernusco Montevecchia quando erano uniti; testimonianze, documenti, punti di vista che abbiamo raccolto e che provano a raccontare quanto è successo in quegli anni e le conseguenze dopo la separazione.
Inoltre in questo ultimo mese abbiamo cercato di raccontarvi tramite il nostro sito quanto le compagini elettorali hanno voluto proporre, prima del tanto atteso weekend elettorale, a cui seguiranno i fatti, quelli veri.
Non è stato facile; purtroppo talvolta la campagna elettorale viene vissuta come una battaglia, una sfida e si perde per strada il vero obiettivo: il bene per la comunità in cui viviamo che non ha bisogno, oggi più che mai, di ulteriori lacerazioni, beghe e scaramucce con lo scopo di fare polemica e destabilizzare.
Ora la decisione spetta al cittadino, a tutti i residenti di Cernusco e Montevecchia che hanno la maggiore età: il voto è un diritto e credo che vada esercitato.
Nel 2016 più di 900 cittadini a Cernusco non hanno votato, hanno lasciato decidere agli altri…
Anche se non c’è piena sintonia con l’uno o l’altro/a candidato/a o con i punti dei rispettivi programmi elettorali, credo sia corretto e rispettoso andare ugualmente a votare e scegliere in prima persona da chi farsi governare. Più volte ho sentito dire… “grazie a chi si è candidato, perché ha messo la faccia, le proprie competenze e il proprio tempo”…
Bene, ora è tempo di scegliere chi sia il migliore (o il meno peggio) tra i due o tre gruppi.
Non stiamo parlando della politica dei grandi palazzi di Roma, ma di quella dei nostri municipi, da cui dipendono la viabilità sotto casa nostra, le nostre tasse comunali, gli spazi dove trascorriamo il nostro tempo libero giorno dopo giorno. Non fidiamoci del sentito dire, delle voci di paese e da bar, ma leggiamo i programmi, quanto ci è stato detto, proposto e cosa hanno risposto ai quesiti. Andiamo oltre i pregiudizi e scegliamo il meglio per la nostra comunità. Chi tace e non vota non avrà mai ragione.
…E dopo il 4 ottobre si comincia a lavorare insieme per un futuro migliore, senza inutili e continue divisioni e contrasti che lacerano le nostre comunità irreparabilmente.
Un viaggio quindi tra passato e presente passando da Cernusco Montevecchia, ma che volge al futuro, per poter vivere il prossimo quinquennio al meglio.
Buon voto e… “in bocca al lupo” ai candidati!

D.V.



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2021 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati