CERNUSCO, LA VITTORIA DEL PARCO CONTRO IL TAGLIO DEI PIOPPI

Pubblicato Il

Il comitato La Vittoria del Parco aveva scritto al sindaco di Cernusco Giovanna De Capitani e all’assessore all’Ambiente Roberta Cereda in merito al taglio dei pioppi lungo via Sant’Ambrogio di fronte al cimitero, con i lavori di edificazione nei pressi dell’ex vivaio Cereda: un “nuovo parco pubblico” avente una superficie di oltre 11.000 mq il cui sedime è già stato ceduto al Comune a Cernusco
La risposta del primo cittadino non è mancata:  «Il progetto del verde prevede il mantenimento e l’integrazione del viale dei tigli lungo via Balbo (nella foto a destra, vedi essenze ancora giovani) e la sostituzione del viale dei pioppi lungo via Sant’Ambrogio che non fornisce adeguate garanzie di mantenimento nel tempo nonché le giuste condizioni di sicurezza viabilistica lungo lo stesso asse stradale (vedi schianti delle alberature già verificati negli anni ’90 e condizioni vegetative non ottimali). Il nuovo progetto consentirà comunque di riproporre l’attuale ambientazione con nuove essenze a pronto effetto messe a dimora in posizione più arretrata rispetto alla carreggiata stradale. In ogni caso, essendo l’intervento sul verde non di immediata esecuzione, ma posticipato rispetto all’intervento edilizio, non ci sono condizioni ostative ad eventuali ulteriori valutazioni che possano preservare le alberature in buono stato conservativo soprattutto ai fini della sicurezza, rimodulando in accordo con l’operatore privato la disposizione e realizzazione del parco pubblico».
Non è mancata la contro replica del Comitato con un volantino provocatorio con gli alberi recentemente piantumati dietro l’ex palestrina in piazza della Vittoria.
«Se non abbiamo letto male una trentina di anni fa i pioppi di via sant’Ambrogio hanno avuto dei problemi. Trent’anni dopo fanno ancora bella figura lungo la via, anche se trascurati. Abbatterli per sostituirli con altri alberi a “pronto effetto” (non riprodurrebbe affatto la “stessa ambientazione”), che soltanto  i nostri pronipoti potranno vedere nella forma che oggi possiamo ammirare trasmetterebbe un pessimo messaggio proprio alle giovani generazioni. I pioppi esistono su una “carreggiata” di proprietà del Comune e quindi spetta al Comune preservarli come patrimonio pubblico, al di là delle scelte o delle intenzioni dell’operatore privato. Il filare di pioppi inoltre costituisce una quinta visiva che farà sì che le abitazioni in costruzione non abbiano “camere con vista diretta sul cimitero” – spiegano i rappresentanti de La Vittoria del Parco – Visto che la salvaguardia dell’ambiente viene sempre presentato come uno degli obiettivi principali da perseguire da parte di ogni forza politica, è arrivata l’ora di dare un segnale in tal senso. La scelta va compiuta adesso: si dica subito che i pioppi di via Sant’Ambrogio non faranno la stessa fine di quelli di piazza della Vittoria assieme ai tigli della stessa piazza e a quelli di via degli Alpini, perché ormai sono più di un centinaio gli alberi d’alto fusto abbattuti a Cernusco Lombardone. Fermatevi qui! Siamo certi che gli inquilini delle nuove case di via Sant’Ambrogio e Cesare Balbo ringrazieranno».

D.V.



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2021 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati