CERNUSCO, LE PROPOSTE DI IFNC

Pubblicato Il
- Updated

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del gruppo di minoranza cernuschese IFNC sul tema della scuola, da tempo al centro dell’interesse pubblico a livello nazionale, ma anche a livello locale.

Dopo l’articolo pubblicato dal capogruppo Gennaro Toto ci hanno contattato diversi genitori chiedendoci quali proposte avessimo fatto o cosa avremmo in mente di proporre, in particolare sulla scuola, per collaborare con l’Amministrazione comunale per superare al meglio questo periodo critico e molto difficile per tutti noi.
I bambini e i ragazzi sono stati e sono molto penalizzati da questa pandemia. A loro abbiamo chiesto molto. Nel bilancio comunale per quest’anno scolastico non sono stati previsti investimenti per le attività extracurricolari.
A questo proposito abbiamo fatto proposte concrete e siamo pronti a discuterne insieme. In questa situazione non si può andare in gita, visitare musei, teatri, fare attività varie con esperti in presenza. Abbiamo quindi proposto come alternativa di organizzare comunque alcune attività a distanza che possano aiutare sia i bambini-ragazzi-docenti e famiglie, ma anche i lavoratori di quelle categorie che sono professionalmente molto penalizzate in questa periodo. Ad esempio se il programma di storia prevede lo studio degli egizi si potrebbe prevedere una visita virtuale online al museo egizio di Torino, uno dei più belli al mondo e recentemente riorganizzato, con una guida museale che risponde in tempo reale alle domande degli alunni. Oppure, altra categoria fortemente penalizzata quella degli attori, musicisti, (più in generale operatori dello spettacolo) si può assistere ad una rappresentazione teatrale a distanza o fare una scuola di teatro interattiva.
Pensiamo inoltre allo studio della geografia, ad esempio la regione Campania…. Organizzare un tour nella città di Napoli con una guida locale che per mezza giornata si muova e racconti la città facendo vedere il Cristo Velato, i monumenti architettonici, San Gregorio Armeno e le sue statue del presepe, un’ascesa al Vesuvio per finire con il mangiare una pizza napoletana e farsela consegnare a scuola a Cernusco da una pizzeria napoletana del territorio. Perché non pensare anche a dei gemellaggi con classi di scuole sia italiane che di stati esteri la cui lingua è magari oggetto di programma scolastico.
Le iniziative potrebbero essere molteplici bisognerebbe avere un po’ di fantasia e buona volontà.
Sarebbe inoltre auspicabile fare tutto quanto possibile per migliorare la connettività in paese e cercare di dare a tutti la possibilità di utilizzare con efficacia la DAD per i ragazzi e lo smart working per i lavoratori.

il gruppo consigliare di IFNC



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2020 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati