MONTEVECCHIA, IL SINDACO NEI LUOGHI DEL TERREMOTO

Pubblicato Il

È la solidarietà che ha portato il sindaco di Montevecchia Ivan Pendeggia nei luoghi colpiti dal terremoto nell’ottobre 2016. Giovedì 18 novembre a Monsampietro Morico, un piccolo comune in provincia di Fermo nelle Marche, dopo 5 anni dal sisma e dopo un intenso anno di lavoro, è stato riaperto il primo Municipio grazie a 700mila euro di fondi e grazie all’aiuto di alcuni comuni come Livorno, Bentivoglio e Montevecchia che è stato un raccordo per tutto il nord.
La collaborazione del Colle è iniziata nell’aprile 2017 con la Proloco in sinergia con don Enrico Radaelli e l’oratorio, l’ex sindaco Franco Carminati e l’Amministrazione comunale, organizzando una serata chiamata Un aiuto al centro con una cena a base di amatriciana per raccogliere fondi da destinare ai cittadini dei paesi colpiti dal sisma nel centro Italia.
Ivan Pendeggia è stato invitato a partecipare all’inaugurazione del Municipio, in qualità di presidente della Proloco ai tempi e ora di sindaco, dal primo cittadino di Monsampietro Romina Gualtieri, una riapertura che è il simbolo di speranza per tutti i cittadini che vivono nei paesi colpiti dal sisma. L’impegno non si ferma qui, la Gualtieri sta portando avanti la ricostruzione del paese coinvolgendo gli alunni della scuola di Monsampietro Morico, che sono coloro che dovranno pensare al futuro del paese e ai quali occorre un’adeguata educazione civica, a partire da queste occasioni.

M.C.

 

 

 

 

 



Mobile Sliding Menu

© Copyright 2021 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati