CERNUSCO, PRECISAZIONI SULL’OLTRESTATALE

Pubblicato Il
- Updated
Caro Claudio, lo sai benissimo che non sono residente in via Monti ma in via Manzoni che, quanto a viabilità, ha più o meno gli stessi problemi.
Tra l’altro a volte c’è chi la confonde con via Monti e la percorre contromano dopo svariati anni in cui esiste il senso unico, cosa forse più grave che nel senso giusto ad alta velocità.
Il mio contributo riguardava via Verdi e Manzoni con il relativo semaforo sul quale ero stato interrogato… Comunque:
1) A tua differenza, io per uscire da casa devo per forza imboccare la SP e quindi ho subito il problema del traffico. Per tornare a casa devo percorrere tutta la via Monti per poi girare in via Verdi, rispettare il nuovo semaforo, e poi girare in via Manzoni. Quindi ho forse più un percorso obbligato al giorno per appurare le problematiche del quartiere. Ricordo che una via in cui dalle restrizioni di accesso sono esclusi i residenti, non ci si riferisce a chi ha il domicilio sulla via ma a tutti i residenti nel quartiere che, per una questione di sensi unici, è obbligato a percorrere varie vie. Le mie non sono esternazioni del momento ma problematiche già affrontate dal Comitato di quartiere e già presentate all’Amministrazione comunale.
2) Forse non hai letto bene le mie osservazioni ma io non escludo i controlli da parte della Polizia municipale, che tra l’altro abbiamo già richiesto per la verifica del rispetto del nuovo semaforo, ma sostengo che sono molto più efficaci le videocamere perché non ci si limita a qualche mezz’ora al giorno e le multe possono essere le stesse. Infatti l’Ufficio tecnico ha ipotizzato l’installazione di una telecamera mobile già in dotazione.
Sarà un caso ma ieri, proprio dopo la pubblicazione del tuo articolo, c’è stata notizia della truffa dello specchietto in via Roma. Per fortuna che questa volta la videocamera della stazione ha ripreso il numero di targa e identificato il responsabile, altrimenti sarebbero state le ennesime chiacchiere da bar.
Due mesi fa stavo percorrendo via Verdi da Donizetti e mi si è accodato uno che ha cercato superarmi in quanto lo costringevo a rispettare i 30 km/h… Al semaforo è sceso dalla macchina mi ha insultato. Qualche settimana fa ero a piedi in via Verdi e ho visto un’auto che non ha rispettato il semaforo, quindi l’ho fermato e fatto notare che era rosso. Anche in questo caso insultato. Sergio alle 6.30 di una mattina di giugno ha rischiato un frontale uscendo da via Manzoni perché si è fidato del verde… Se ci fossero le videocamere mi farei insultare senza problemi tanto poi dalla targa si risalirebbe al responsabile. Non credi?
Paolo Cogliati


Mobile Sliding Menu

© Copyright 2021 Dentro&Fuori - Tutti i diritti riservati